Silvia Pozzi

Psicologa
Psicoterapeuta psicoanalitica ad approccio freudiano
Sessuologa clinica
Esperta di coaching aziendale

Laurea magistrale in Psicologia Clinica (Univ. Cattolica - Milano) 

Specializzazione in Psicoterapia psicoanalitica ad approccio freudiano (Il ruolo terapeutico - Milano)

Master di 1° livello in sessuologia clinica

Iscritta all'Albo degli psicologi della Lombardia  - sez. psicoterapeuti

  • LinkedIn

Mi presento

Come Lavoro

Se qualcuno mi rivolgesse la domanda “Tu chi sei?” io risponderei “Sono Silvia Pozzi”. Alla domanda “E cosa fai?” risponderei “Come lavoro faccio la psicoterapeuta”.

Intendo dire che, nello svolgimento del mio ruolo, sono sempre io, Silvia Pozzi, non come “personaggio” sulla “scena terapeutica” ma come “persona”, con tutto il mio bagaglio cultura e di convinzioni e preconcetti, preferenze e idiosincrasie, memorie, emozioni, sentimenti.

La nostra società è dominata sempre più dalla cultura dell’apparire, dell’avere, del successo, della velocità, del “chi si ferma è perduto”, del dover fare tutto senza rinunciare a niente. Tutto questo si pone in contraddizione con quanto una psicoterapia richiede: fermarsi a riflettere, con pazienza, rispetto, attenzione e interesse, su cosa stia accadendo dentro di sé.

Durante il percorso lo psicoterapeuta rimane coraggiosamente e rispettosamente vicino al proprio paziente senza mai dirigerlo come un maestro e senza mai giudicarlo. La psicoterapia, infatti, allena a pensare ed a elaborare i propri dolori mentali, senza mai fare sentire solo chi intraprende questo percorso. Il lavoro psicoanalitico permette di fare emergere e di elaborare i nuclei dolorosi, a volte sabotanti che bloccano le persone a fasi non attuali ed infelici della propria vita togliendo energia e speranza per il futuro. La terapia permette di digerire i dolori e proseguire con la propria vita attuale con maggiore vitalità ed equilibrio.

 

Di cosa mi occupo

La mia psicoterapia è rivolta ad adolescenti e adulti: tratto ansia e depressione, dipendenze, fobie, traumi e disturbi della sfera relazionale. Mi occupo di psicoterapia e sostegno psicologico nei centri antiviolenza; sono sessuologa clinica e consulente di coppia.

Ho un’esperienza decennale nel trattamento dei principali disturbi psichiatrici (disturbi della personalità, disturbi dell’umore, DOC, psicosi, schizofrenia) e dei disturbi alimentari (anoressia, bulimia, binge eating).

Mi occupo anche di counselling e sostegno alla genitorialità oltre che di psicologia perinatale.

 

Metodo Psicoanalitico freudiano: in cosa consiste

Il metodo psicoanalitico consiste nella ricerca della verità soggettiva cogliendo le varie forme attraverso le quali l’inconscio si manifesta. Il nostro mondo interiore, in gran parte inconscio quindi difficilmente accessibile, è ricchissimo di pensieri, ricordi, emozioni e pulsioni ed è in continua trasformazione; l’analista e il paziente esplorano insieme questo universo alla ricerca delle cause profonde dei comportamenti, delle dinamiche relazionali e della sofferenza di ogni individuo.

La psicoanalisi non si occupa di disturbi o patologie (sebbene si occupi di curarle), ma di persone che esprimono, attraverso il sintomo, un conflitto di cui non sono a conoscenza. In questi termini il sintomo può essere visto come una soluzione di compromesso all’interno del conflitto, soluzione che è divenuta a sua volta fonte di disagio. Come la febbre è la reazione dell’organismo ad un’infezione, necessaria per combattere l’infezione stessa, il sintomo psichico è a sua volta la reazione psichica ad un disequilibrio inconscio. I sintomi vanno quindi intesi come la punta di un iceberg: quello che è visibile è molto meno di quanto resta nascosto al di sotto della superficie

Secondo il metodo psicoanalitico, a differenza dell’impostazione medica, un percorso di psicoterapia non mira ad una “restitutio ad integrum”, ovvero a ristabilire le condizioni precedenti l’inizio del sintomo o del disagio. Nella psicoanalisi, il terapeuta aiuta il paziente ad incontrare, proprio nella sua sofferenza e nel suo sintomo, la propria verità soggettiva, e a farla parlare quando chiede di essere ascoltata.

Una psicoterapia psicoanalitica cerca di scoprire le origini profonde ed inconsce del conflitto da cui il sintomo ha tratto energia restituendo così all’individuo la libertà di trovare soluzioni più adeguate.

Contatti

Il primo colloquio è gratuito