PSICOTERAPIA

 

Il viaggio alla scoperta di se stessi

Cos'è una psicoterapia?

La psicoterapia è un percorso che migliora il nostro modo di pensare, sentire e agire, attraverso una maggiore conoscenza di sé (auto-consapevolezza).

Più sappiamo di noi e della nostra personalità e più siamo in grado di regolare le nostre reazioni emotive e di agire perseguendo gli obiettivi personali. 

Solo i malati di mente vanno dallo "strizzacervelli"?

All'estero, aver seguito un percorso con uno psicologo è motivo di orgoglio e mostra la capacità di prendersi cura di sé e di mettersi in discussione, se necessario. In Italia invece, purtroppo la psicoterapia risente ancora di una lunga serie di pregiudizi e viene con ignoranza associata all'idea di essere destinata a persone "problematiche"; d'altro canto, fioriscono workshop e seminari dalle tecniche più strampalate a cui sempre più persone si rivolgono nella ricerca di una crescita personale. Queste esperienze possono essere talvolta sufficienti per iniziare a pensarsi in modo diverso, ma è più probabile che la vera crescita personale avvenga quando ci si pone domande più intime e profonde, che inevitabilmente non possono essere affrontate nelle esperienze di sopra.

Ultimamente si sta assistendo a un cambio di atteggiamento verso la psicoterapia anche in Italia, da quando i personaggi più noti come vip, sportivi e influencer, hanno iniziato a dichiarare pubblicamente e con orgoglio di aver tratto beneficio da un percorso con un terapeuta. Così, ashtag come #endthestigma, #endthestigmaofmentalhealth sono diventati seguitissimi, mentre gli psicologi entrano sempre più a far parte della quotidianità anche nelle serie TV. 

A cosa serve conoscersi meglio?

L'auto-consapevolezza è la piena conoscenza della propria personalità, con i punti di forza e di debolezza e soprattutto degli automatismi che mettiamo in atto di fronte a determinate situazioni. Nel momento in cui ne siamo consapevoli, le nostre reazioni non sono più automatiche, ma ci diamo la possibilità di interpretare eventi e circostanze in un modo nuovo, permettendo così a nuove emozioni di fiorire e determinare comportamenti che ci avvicinano ai nostri obiettivi. 

Qual è la differenza tra counselling e psicoterapia?

In inglese il termine counselling (o counseling) è del tutto sinonimo di psychotherapy. Invece, nel panorama italiano il termine "counselling" è stato adottato al pari di"sostegno psicologico": un percorso molto breve focalizzato su una specifica situazione (es. la scelta dell'orientamento universitario, del lavoro, o difficoltà in uno specifico ambito di vita); il termine "psicoterapia" invece si riferisce un'analisi dell'individuo nella sua interezza e complessità in cui viene affrontata la personalità nel suo insieme, in tutti i contesti relazionali e di vita. La psicoterapia ha tempi necessariamente più lunghi del counselling, ma non bisogna necessariamente pensare ai tempi lunghissimi a cui normalmente si pensa quando viene in mente il termine "analisi".

Questa distinzione di termini nel panorama italiano ha importanti ripercussioni sulla formazione dei professionisti: il sostegno psicologico o counselling può essere condotto da laureati in psicologia che abbiano superato l'esame di stato e siano iscritti all'Ordine degli Psicologi. Esistono in realtà corsi di formazione per counsellor aperti a non laureati e a laureati di altre discipline, ma l'esercizio della professione non è legalmente riconosciuto (chi non è abilitato dall'ordine degli psicologi sta esercitando illegalmente!). La pratica della psicoterapia può essere esercitata invece da laureati in psicologia o anche medicina,  che non solo siano iscritti all'Ordine degli Psicologi o dei Medici, ma che abbiano anche frequentato un successivo corso di specializzazione quadriennale riconosciuto dal MIUR, che includa un periodo di praticantato supervisionato di 500 ore e che abbiano al termine superato l'esame di abilitazione alla pratica della psicoterapia, con l'iscrizione all'Albo degli Psicoterapeuti.

Qual è la differenza tra psicoanalisi e psicoterapia?

I due termini sono equivalenti, se non fosse per l'approccio teorico adottato: lo psicoanalista si focalizza maggiormente sull'inconscio e sul sé profondo, mentre lo psicoterapeuta si concentra sul modo di pensare, di provare emozioni e di comportarsi e in genere non interpreta i vissuti del paziente.

Noi di STUDIO INTERNAZIONALE PSICOLOGIA abbiamo approcci teorici leggermente differenti, ma tutti questi trovano applicazione in funzione della teoria dell'attaccamento;  in altre parole, tutti noi, alla luce delle numerosissime evidenze sperimentali di questa teoria, andiamo alla ricerca della personalità dell'individuo in funzione della personalità dei genitori o delle persone più importanti che sono state presenti durante la crescita (figure d'attaccamento).

L'efficacia di un percorso terapeutico tuttavia, non dipende tanto dall'approccio teorico quanto dalla qualità della relazione di fiducia che si instaura con il terapeuta, e ciò è stato ampiamente dimostrato. Perciò, abbiamo deciso di offrire gratuitamente il primo colloquio, in modo che la decisione di iniziare un percorso possa essere basata sulla esclusivamente sulla sensazione di trovarsi a proprio agio con il terapeuta, senza nessun altro vincolo o condizionamento.

  • Bianco Facebook Icon

Via Elba 10 - 20144 Milano     Tel.+393206644107    Mail: info@sipsicologia.it